L'intestino e le sue emozioni - Essenze di benessere

ESSENZE DI BENESSERE
Pagine di Naturopatia. Professione disciplinata ai sensi lg.4/2013
Vai ai contenuti

L'intestino e le sue emozioni

NATUROPATIA > PSICOSOMATICA
Nell’intestino si produce la SEROTONINA , ormone del buonumore
Vuol dire che anche noi siamo responsabili del nostro benessere psicofisico e del nostro morale.
L’ansia pare dipenda dall’equilibrio della FLORA BATTERICA.

L’intestino è il secondo cervello, ha il decimo dei neuroni del cervello e svolge le funzioni in autonomia, è in grado di segnalare gioie e dolori o archiviazioni di ricordi legati alle emozioni.
Stati d’animo quali ansietà, senso di colpa, umiliazione, risentimento, conflittualità,  situazioni che inducono un senso di sopraffazione, portano a un aumento delle secrezioni da parte della mucosa intestinale, a più forti contrazioni muscolari, a maggiore fragilità della mucosa rispetto ad agenti aggressivi e a un’intensificazione dei riflessi viscerali.
Al contrario, situazioni che generano una sensazione di depressione, insoddisfazione, abbattimento, paura, insuccesso provocano un rilassamento muscolare sia generalizzato che a livello del colon, una riduzione dei riflessi viscerali e delle secrezioni, un minor afflusso di sangue alla mucosa.  
Nella Medicina tradizionale cinese, l'intestino tenue fa parte della loggia FUOCO E il crasso della loggia METALLO.
Il metallo risuona su emozioni di tristezza, malinconia, autocommiserazione, vittimismo... difficoltà a dimenticare, a lasciare andare i ricordi, sia belli che ci impediscono di guardare al futuro e alle sue novità, sia dolorosi che ci tengono imprigionati nel dolore.

La FLORITERAPIA DI BACH aiuta entrando in risonanza con queste emozioni e ci fornisce:
HONEYSUCKLE: per lasciar andare il passato
MUSTARD: quando la malinconia e la tristezza condizionano le giornate al punto da non farci vivere il momento presente
WILLOW: se proprio non lasciamo andare i torti subiti, se l'ambiente ci condiziona al punto che non ci rendiamo conto che la responsabilità di ciò che ci accade dipende solo da noi.
MIMULUS: è la nostra capacità di reagire in modo ottimale
PINE: perchè non ci concediamo il diritto di essere, di fare, rinunciamo per non sentire la colpa di trascurare il resto che ci circonda
CENTAURY : quando mettiamo tutto, ma proprio tutto al primo posto

Il sintomo stipsi è un invito alla riflessione sul proprio “ritmo personale” e sul “trattenere” qualcosa che avrebbe bisogno di essere lasciato andare liberamente. È un invito a prendere contatto con se stessi e chiedersi cosa c’è che non va  
La stipsi in particolare indica la difficoltà ad allentare la presa e il timore di perdere. La persona trattiene, per paura o per rifiuto. Non avendola integrata né assimilata, blocca l'eliminazione di ciò che dovrebbe respingere o liberare. Sto forse rischiando di perdere qualcosa? Se mi lascio andare, correrò dei rischi?

La sindrome del colon irritabile : la sua origine potrebbe essere psicosomatica.
Il difficile equilibrio tra aggressività e repressione, ma un ruolo importante giocano anche le abitudini alimentari, di vita, farmacologiche (come l’abuso di lassativi).
Le Tensioni emozionali e la comparsa dei sintomi, ad esempio, potrebbero essere dovuti a conflitti nella coppia, le ansie legate ai figli e le preoccupazioni ossessionanti sui problemi di ogni giorno.
Torna ai contenuti